2020 l’anno del covid

2020 l’anno del covid

Non so…  sarà l’età, sarà che il loccheddaun ma quest’anno ho avuto poche occasioni di viaggiare.

2020 l’anno del covid, la televisione i media, le persone, tutti con lo stesso problema e diversa soluzione, tutti con una ruga di preoccupazione/perplessità che ti spegne..

Io no sono esente da queste problematiche, ma ho vissuto troppo tempo senza scarpe e con poco da mangiare per farmi abbattere da un minchia di virus. Seppur anche io “limitato” anche per il rispetto di altrui opinioni e comportamenti, rieccomi a oltre metà del 2020, l’anno del covidd a suggerire e condividere viaggi, conoscenze e suggestioni di una vita oserei dire “spericolata” per il coviddd. Sto termine, sto virus, l’abbiamo anche nel cervello…

Forse sto coviddd ha attaccato i miei neutroni, quel poco di scellerato amore per a condivisione, ma anche io per sentirmi vicino e non distante ho dovuto aspettare che un vero e sentito invito mi pervenisse. A parte le quattro settimane tra Giugno e Luglio passate al lavoro a casa in smartworking, dal 03 agosto fino ad oltre ferragosto ho trascorso delle splendide giornate nella mia terra prediletta, la Calabria.

Roccuuu, arzati che faciamu colazione!

Roccu, ma tu ti ricordi comu si cogghiiani i fica?

Jamu ch’è tardi, Roccu!

Cca sì, cu… cumpari Gianni e Giuditta!

Ha che vita! Certo potevo trovare anche un periodo meno torrido, ma a Popelli si sta bene. Siamo nelle zone interne di Caulonia in Provincia di Reggio Calabria.

Siamo a 20 km dal mare jonio, in questo periodo l’acqua a riva segna 30 gradi, l’aria pure, se non di più, a Popelli 25 solo l’aria, l’acqua della fiumara invece è a 15 o meno.

Siamo a 20 chilometri dalle cime più a sud delle Serre calabre, in questo periodo l’acqua sorgiva è a 5 gradi, la temperatura dell’aria è a 22

Siamo a Popelli, crocevia di transiti entro i 20 km di quanto di meglio e completo un turista possa chiedere, qui il loccheddaun è perenne. Questo territorio è una isola di pace e tranquillità, non ci sono sconvolgimenti che arrivano dall’estero. Sono a casa di Gianni e Giuditta, una simpatica coppia di vissuti post ’68, dove l’amore per la terra e la natura è prorompente.

A Popelli ci arrivo in moto, la mia Monster Ducati fatica un poco a trattenersi tra le curve montane, ma anche lei gode dell’aria pura e degli odori del finocchio selvatico che sparso e consumato dalle sporgenze sul ciglio stradale, anche io strofinandomi col passaggio in moto diffondo nell’aria e negli indumenti.

Qualcuno diceva che in Calabria si campa d’aria, lo credo anch’io. Qui respiri a pieni polmoni, milioni microparticelle di condensato di natura riempiono polmoni, cervello e spirito che i fichi verdi o neri, i fichi d’india, le insalate dell’orto, le erbe aromatiche e selvagge e la cacciagione sono superflue. Diventano quel qualcosa in più che soddisfa il palato e lo stomaco.

A parte l’aria da Gianni e Giuditta ho avito modo di provare un formaggio caprino spettacolare. Un formaggio che non è pastorizzato, non necessita neanche commercialmente perché in quanto produttori, non utilizzano latte proveniente da latri allevamenti… sono in perenne loccheddaun. Un sapore il CAPRINO DELLA LOCRIDE, da altri tempi, una cosa che quando la provi ti viene da dire “cazzo, ma questo è latte!”
Non per puntiglio, ma la dieta principale a pranzo spesso, molto spesso, era costituita da friselle di mais con pomodoro rosa di Belmonte, con olio di oliva, con cipolla rossa di Tropea, una spruzzata di origano.

Il Loccheddun di Popelli ti regala anche quanto di più genuino esiste in natura, in agroalimentare.

Nei pressi di Popelli, esattamente di fronte, attraversata la fiumara c’è il santuario della Madonna di Crochi e la comunità delle sorelle di Gesù. Quest’anno è andata male, ma ogni anno presso il Santuario della Madonna di Crochi si svolge una festa a dir poco grandiosa, tra devozione e tradizione, tutta l’essenza calabrese.

2020 l’anno del covid, quello che ti ha rammentato che nel percorso della vita e delle modernità, hai perso il sapore… l’essenza di vita.

Comments are closed.